Home Cultura Spettacolo BONELLI BRECHT BINOMIO PERFETTO ULTIME REPLICHE

Con un ottimo risultato, l’artista romana Elena Bonelli da potente voce ad un nuovo modo di interpretare le canzoni ed i brani recitati del drammaturgo tedesco. Un Brecht così è tutto da vedere, da scoprire e non si era mai visto prima. Una messa in scena che non teme noia o cupezza e tantomeno l’estraneamento del teatro epico tanto declamato dalla “Kultura”.

Il Brecht della Bonelli diretta da Marco Mattolini, diverte e intrattiene facendo però scoprire in poco più di un ‘ora il mondo di Bertolt Brecht e, per cronaca un mondo, quello della Germania prenazista che sembra quello dei nostri giorni. Con la messa in scena di Elena Bonelli al teatro dell’Angelo di Roma  fino alla prossima domenica 26 marzo si può godere di uno spettacolo tanto ironico e divertente quanto affascinante e adatto a tutti.  La Bonelli riporta  ai nostri giorni la scrittura di Bertolt Brecht facendone scoprire soprattutto ai giovani, alcuni certo ignari persino del nome del grande scrittore del 900, la grande qualità di un poeta che quasi un secolo fa ha descritto la condizione umana in modo davvero profetico.

La versione dell’artista romana famosa come voce di Roma nel mondo, per l’interpretazione delle canzoni romane, trascina il pubblico regalando in un’ora e mezza, inconfutabili constatazioni e scoperte inaspettate grazie all’accostamento alle canzoni, con i testi di Brecht e le musiche di Kurt Weill, di notizie prese  dai quotidiano del giorno dal web, da Facebook, da radio e tv. Questo da accesso al profondo significato delle canzoni e dei brani poetici.

Così “Jenny dei pirati” ricorda gli attentati dell’Isis, “Alabama song” racconta la tragedia attuale degli emigranti, “Surabaia Johnny” lo sfruttamento della prostituzione  giovanile, “Macky Messer” ci racconta l’assassinio seriale della notizia riportata in questo mese dalla stampa americana del giovane che ha confessato sulle sue 22 vittime, e così via.

Con l’elegante regia di Marco Mattolini e lo straordinario accompagnamento del Maestro Cinzia Gangarella è uno spettacolo consigliato da tutta la critica come “….. da non perdere”. Per coloro che amano scoprire nuove interpretazioni e per chi di Brecht non sa nulla.

La Redazione- Riceviamo e Pubblichiamo

Rispondi