Home Attualità CORPO FORESTALE DELLO STATO, successo della petizione dei Verdi per il ripristino

Più di 2500 firme raccolte in meno di 36 ore per la campagna #RipristiniamoilCorpoForestale! Grazie ad una petizione si ritorna a parlare con insistenza dell’ormai defunto “Corpo Forestale dello Stato”, la forza di polizia italiana abolita il 31 dicembre 2016 e che ha visto le oltre 7.000 unità in organico essere accorpate alle altre forze esistenti. Le funzioni invece sono state trasferite al neocostituito comando Unità carabinieri per la tutela forestale, ambientale e agroalimentare.

Nato nel 1822, il Corpo era specializzato nella difesa del patrimonio agro-forestale italiano, nella tutela dell’ambiente e del paesaggio e nel controllo sulla sicurezza della filiera agroalimentare. Concorreva all’espletamento di servizi di ordine e sicurezza pubblica, nonché al controllo del territorio, con particolare riferimento alle aree rurali e montane.

La petizione è stata lanciata sulla piattaforma www.change.org dal portavoce regionale dei Verdi Vincenzo Peretti che chiede: “Al futuro Governo di modificare la legge e dare vita ad un nuovo Corpo Forestale dello Stato, che ha svolto, non dimentichiamolo, negli anni passati un servizio encomiabile per la tutela dell’ambiente, la difesa dell’agroalimentare nazionale e per il benessere degli animali. Ritorno, ma in una visione nuova ed al passo con i tempi e soprattutto con le problematiche attuali. Un Corpo quindi che oltre ai Forestali (circa 7800 unità), possa raccogliere ad esempio il personale delle Polizie Provinciali, i Corpi Forestali delle Regioni e Province a Statuto Speciale, i NOE e NAC dei Carabinieri, il personale dell’ICQRF e tutte le altre figure del personale pubblico con specifiche competenze in materia ambientale ed agroalimentare. Si otterrebbe così un unico e grande Corpo presente in tutto il Paese e finalmente con un organico e mezzi idonei a svolgere i propri compiti istituzionali”.

Vincenzo Peretti è professore presso il Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, ed è stato consulente nazionale del Corpo Forestale dello Stato dal 2007 al 2013.

E’ stato Membro del Comitato Tecnico Scientifico del Centro di Formazione Nazionale del Corpo Forestale dello Stato. Importante è stata la sua collaborazione in diverse operazioni che vanno dalle operazioni sulla difesa delle denominazioni comunitarie (DOP e IGP) a quelle tutela della fauna selvatica e di polizia agroambientale. Operazioni avvenute nel periodo che ha visto al comando della Regione Campania del Corpo Forestale dello Stato Vincenzo Stabile. Proprio l’ex comandante di recente ha fatto sentire la sua voce sull’argomento attraverso un volume dal titolo “La Forestale tradita”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: