08/08/2020 13:40
Home Cronaca Varese: fatture false per 7 milioni, disposti sequestri per oltre 735.000 euro.

Il Gruppo della Guardia di Finanza di Varese, a seguito di una verifica fiscale eseguita nei confronti di una società del varesotto che aveva utilizzato fatture per operazioni inesistenti per circa 7 milioni di euro, ha dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo di beni riconducibili al principale indagato, rappresentante legale della predetta società, per un valore di circa 735.000,00 euro.

La complessa attività di polizia giudiziaria e tributaria, durante la quale sono state svolte alcune perquisizioni in Varese e in Piemonte, ha permesso di individuare un sodalizio criminoso finalizzato alla commissione di numerosi reati fiscali, tra cui quelli di emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti tramite società fittizie. Le c.d. “cartiere”, intestate a prestanomi ma di fatto controllate dall’organizzazione, erano dedite all’interposizione in rapporti commerciali tra attori economici realmente esistenti. Infatti, esse acquistavano i prodotti, già individuati dagli acquirenti finali (che fornivano anticipatamente il denaro), in esenzione IVA, grazie a false dichiarazioni di intento, mentre la merce veniva poi direttamente spedita all’acquirente reale.

Il sistema fraudolento posto in essere, facendo risultare fittiziamente l’interposizione della società cartiera, consentiva di acquistare le merci a prezzi inferiori, generando un ingente credito I.V.A., indebitamente portato in compensazione. L’attività di servizio è proseguita quindi nei confronti di una società del varesotto, operante nel settore delle materie plastiche, risultata essere il principale acquirente della società cartiera.

 

E’ stato accertato che oltre il 90% degli acquisti della stessa era avvenuto per mezzo del fraudolento sistema, che generava un ingente risparmio dell’I.V.A. dovuta.

L’indagine delle Fiamme Gialle ha portato alla denuncia di quattro persone, fra cui il rappresentante legale della società “cliente”, per i reati di dichiarazione fraudolenta mediante l’utilizzo e l’emissione di fatture per operazioni inesistenti (F.O.I.), nonché alla richiesta di sequestro finalizzato alla confisca di beni nella disponibilità del rappresentante legale della società.

L’Autorità Giudiziaria procedente ha pertanto emesso un decreto di sequestro preventivo per equivalente fino a concorrenza dell’imposta dovuta, pari a circa 735.000,00 euro, che ha avuto a oggetto disponibilità finanziarie giacenti nei c/c intestati all’indagato, quote societarie, immobili, terreni e autovetture, fra cui una Lamborghini Gallardo.

L’operato delle Fiamme Gialle costituisce una ulteriore attività a contrasto delle fenomenologie delittuose distorsive della concorrenza, della libertà di mercato e del sistema economico nel suo complesso, aggredendo i patrimoni illecitamente accumulati, a tutela delle imprese e dei professionisti che rispettano le leggi.

La Redazione- Riceviamo e Pubblichiamo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: