Home Gusto e Sapori A Castello di Meleto “La prima notte di Virginia”: un picnic tutto al...

Gaiole In Chianti, 11/07/2018 – Si chiama “Virginia” il nuovo rosato di Castello di Meleto, prodotto in purezza con uve di Canaiolo, vinificate in bianco dopo qualche ora di macerazione sulle bucce. Per salutare la nuova bottiglia, domenica 29 luglio (dalle ore 17.00), Castello di Meleto organizza nei suoi giardini “La prima notte di Virginia”: un pic-nic in rosa destinato a diventare un appuntamento annuale durante le serate estive toscane. Un panorama mozzafiato sul Castello e le colline del Chianti, musica dal vivo, gadget rosa, sandwich gourmet e il rosato Virginia saranno gli ingredienti che renderanno unica questa serata totalmente femminile. Durante l’evento sarà possibile acquistare la bottiglia con borsa refrigerata a un prezzo speciale. Per prenotazioni e informazioni, si può chiamare lo 0577/749129 o inviare un’email a e.caini@castellomeleto.it.

Il “Virginia”, affinato in acciaio per sei mesi, recupera un’antica varietà autoctona della Toscana, che sta conoscendo un periodo di rinascita e riscoperta grazie alla sua gradevolezza e freschezza: il Canaiolo Nero, diffuso soprattutto nell’Italia centrale. In passato, veniva utilizzato per conferire morbidezza e colore al Chianti, affiancandolo al Sangiovese come complementare. Fino al XVIII secolo era in assoluto il vitigno più coltivato per la produzione di vino rosso. Il “Virginia” Rosato Toscana IGT testimonia ancora una volta l’autentica attenzione di Castello di Meleto verso il recupero di varietà autoctone, spesso dimenticate, destinate alla produzione di vini originali che guardano alla tradizione e alla storia di un territorio e lo interpretano in modo nuovo, declinandolo in versioni mai scontate.

Le uve, raccolte a mano, provengono da una parcella del vigneto di S. Piero, situati tra 450 e 500 metri di altezza, zona confinante con la Pieve di Spaltenna (X Secolo), la cui chiesa è di proprietà dell’azienda. I vigneti di questa zona scendono fino a circondare il borgo di Gaiole in Chianti. È l’area più aperta e ventilata, caratteristica positiva in particolare durante l’estate poiché permette di preservare la freschezza. Qui, è concentrata la produzione di una piccola selezione di Canaiolo, accanto a Sangiovese, Vermentino, Trebbiano Toscano e Merlot. La produzione vinicola del Castello, ottenuta da una vendemmia quasi totalmente manuale, permette di eseguire un’accurata selezione di grappoli, già a partire dalla raccolta in vigna, riducendo al minimo la rottura degli acini, utilizzando così solo le migliori uve.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: