Home Comuni San Giorgio a Cremano San Giorgio a Cremano rende omaggio ad  Augusto Vera, il filosofo hegeliano che scelse...

Lunedì 15 aprile, targa commemorativa in via Pessina e tavola rotonda in Villa Bruno

San Giorgio a Cremano, 11 aprile 2019 – San Giorgio a Cremano vanta un altro prestigioso concittadino. Si tratta di Augusto Vera, il filosofo considerato il più geniale e originale comunicatore del pensiero hegeliano. Esponente di spicco del mondo universitario nazionale e internazionale,  Vera nacque ad Amelia, in provincia di Terni nel 1813 ma si innamorò di San Giorgio a Cremano, tanto da decidere di trasferirvisi fino alla sua morte, nel 1885. Nel lungo periodo che trascorse in città, dal 1861,mentre insegnava all’Università di Napoli dove lo invitò Francesco De Sanctis, Vera visse nell’attuale Villa Leone, in via Pessina, già villa Casapesenna.

Qui, lunedì 15 aprile alle ore 10.00 l’amministrazione guidata dal sindaco Giorgio Zinno, attraverso l’assessorato alla Cultura affidato a Pietro De Martino, apporrà una targa in suo onore, con l’obiettivo di far conoscere alla città i luoghi e la storia legati a questo illustre personaggio. Alla cerimonia parteciperà anche il sindaco del comune di Amelia, città di  origine del filosofo e docente universitario, frutto di un connubio culturale tra i due territori.

Alle ore 10.30, dopo la scopertura della targa in via Pessina, si svolgerà nella Biblioteca Padre Alagi in Villa Bruno, una tavola rotonda su Augusto Vera, durante la quale verrà illustrata la vita e le opere del filosofo, attraverso il libro a lui dedicato: “Augusto Vera e la filosofia hegeliana”, alla presenza di Giuseppina Scognamiglio e Fabrizio Lomonaco, entrambi docenti della Università Federico II di Napoli, oltre all’autrice Teresa Cricelli.

“Stiamo compiendo un progressivo percorso di riconoscimento storico-culturale del nostro territorio – spiega il sindaco Giorgio Zinno. Personaggi illustri che hanno vissuto nella nostra città e hanno lasciato in eredità un bagaglio culturale che ci inorgoglisce, meritano di essere conosciuti, così come i luoghi che li hanno ospitati. Con iniziative come questa e attraverso l’apposizione delle targhe sulle facciate dei palazzi storici e delle chiese cittadine chiunque potrà conoscere, anche solo passeggiando per strada, la nostra storia e i personaggi che hanno fatto grande San Giorgio a Cremano”.

D’accordo Pietro De Martino: “Vera è uno dei più rilevanti esponenti del pensiero filosofico dell’800. Riconoscere il suo contributo la sua presenza in città è un dovere per noi ma rientra anche nel desiderio di diffondere la conoscenza del nostro patrimonio culturale, generando così un crescente e costante senso di appartenenza al territorio”.  

Augusto Vera compì i suoi studi all’Università La Sapienza di Roma e lì terminò  alla Sorbona di Parigi. Mostrò subito un immenso talento per l’insegnamento, caratterizzato da lucidità di esposizione e genuino spirito filosofico, reggendo dal 1839 al 1850 svariate cattedre in città importanti della Francia e della Svizzera. Il colpo di Stato di Napoleone III lo costrinse nel 1851 a rifugiarsi in Inghilterra a causa delle sue idee eterodosse. Qui intraprese la stesura in francese dell’Introduzione alla filosofia di Hegel. Tornò in Italia nel 1859, insegnando Storia della filosofia, prima  presso l’Accademia scientifico-letteraria di Milano e poi dal 1861all’Università di Napoli. In Italia continuò a intrattenere scambi fecondi con la Società Filosofica di Berlino e con gli ambienti hegeliani tedeschi e francesi. Dal 1883 divenne socio nazionale dell’Accademia dei Lincei. Nel 1880 fu anche nominato Senatore del Regno d’Italia, in quanto membro della Regia Accademia delle Scienze da  più di 7 anni.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: