Home Attualità Galleria Umberto I, parrucchieri al lavoro per i meno abbienti. Grande successo...

Taglio e messa in piega per oltre 50 senza fissa dimora, donne e bambini in difficoltà. Borrelli e Simioli: “Grande dimostrazione di solidarietà”. Gaudiero (Promotore): “Nostro impegno sociale prosegue in favore di chi si trova sotto livello  di povertà”

“Grande successo di partecipazione all’iniziativa dei parrucchieri napoletani a sostegno dei meno abbienti. Presso la Fashion Lab Gallery, in Galleria Umberto I a Napoli, sono stati realizzati da un team di venti parrucchieri di Xenon Group e Fashiomix, tagli di capelli, shampoo e messe in piega  ad oltre cinquanta senza fissa dimora.

Tante anche le donne e i bambini che sono riusciti a regalarsi qualche ora di svago dalle  difficoltà della quotidianità. Siamo contenti che alla nostra iniziativa abbiano partecipato anche l’assessore Alessandra Clemente del comune di Napoli e il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli. Per noi è stata un’esperienza forte quella di vedere la gioia di queste persone che hanno ricevuto una volta tanto un’attenzione. Molti ci hanno chiesto se avremmo replicato l’iniziativa. Arrivati a questo punto non possiamo sottrarci. Il nostro impegno sociale prosegue in favore di tutti coloro che si trovano al di sotto della soglia di povertà. E a Napoli sono tanti! ”. Queste le parole di Gaetano Gaudiero (Showtime Produzioni) promotore dell’evento.

“Una grande dimostrazione di solidarietà della nostra città – hanno commentato il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli che ha partecipato all’iniziativa, e il conduttore radiofonico Gianni Simioli – speriamo sia replicata anche da tante altre categorie di professionisti. C’è bisogno più che mai oggi di dimostrare che nella nostra città la solidarietà resta un punto di riferimento fondamentale che continuerà a renderci più forti e più autorevoli agli occhi del mondo. Speriamo che questo messaggio venga raccolto da tutti e, magari, che la prossima volta questo evento si riesca a fare proprio in Galleria Umberto I per aumentarne il numero di fruitori”

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: