Home Cronaca Crollo albero a piazza Mazzini, ragazzo rimasto ferito

Verdi Napoli: “Il patrimonio arboreo va manutenuto, coinvolgeremo Università e ordini professionali ma il Comune di Napoli faccia la sua parte”.

Crollo albero a piazza Mazzini, ragazzo ferito, il gruppo consiliare dei Verdi di Napoli invoca manutenzione per il patrimonio arboreo della città composto da più di 40.000 alberi da tutelare e proteggere. “Prima di tutto auguriamo al ragazzo ferito dal crollo di questa mattina di riprendersi al più presto – dicono i consiglieri comunali Marco Gaudini e Stefano Buono e la consigliera della II Municipalità Rosanna Laudanno -. Come Verdi abbiamo fortemente voluto e sostenuto in consiglio comunale l’azione che ha portato ad un imponente finanziamento sulla ripiantumazione degli alberi, che porterà circa 5300 nuovi esemplari in tutta la città e nei suoi parchi. Ed è anche il momento di garantire un adeguato servizio di manutenzione e cura dell’esistente, fortemente provato anche dai continui cambiamenti climatici”.

 

“Ben consapevoli della carenza di risorse umane ormai ridotte al lumicino anche a causa di istituti come quota 100 (anche i tecnici agronomi in forza al servizio verde del Comune di Napoli ad agosto andranno tutti in pensione), è tempo che l’amministrazione tutta, ad ogni livello, predisponga un intervento risolutivo insieme ai soggetti che possono a nostro avviso collaborare per aiutare la città”, proseguono Gaudini e Buono.

“Come presidente della Commissione Ambiente – precisa Marco Gaudini – intendo coinvolgere la Facoltà di Agraria, gli ordini professionali di Agronomi, Architetti e Periti agrari, nonché tutte le istituzioni impegnate su questo fronte, ma il Comune di Napoli deve fare la parte più importante e iniziare a mettere risorse concrete sulla manutenzione del verde”.

Borrelli e Iodice

La scena ripresa in un video. “Sono nato e vivo nel quartiere Avvocata e non ricordo mai di aver visto un giardiniere potare l’unico albero di piazza Mazzini – ha raccontato Genny Cardone, autore del video – non c’è mai stata manutenzione. Il ramo è caduto a 50 cm dalla panchina dove sempre si riparano dal sole anziani e bambini, è un caso che questa mattina fosse libera, complice il giorno festivo. La panchina è un punto di ritrovo per gli abitanti del quartiere, fortuna che nessun innocente abbia pagato il conto dell’irresponsabilità altrui”.

“La mancata manutenzione del verde comporta un forte rischio in concomitanza con fenomeni meteorologici estremi cui stiamo assistendo sempre più spesso a causa dei cambiamenti climatici in atto, mettendo seriamente a repentaglio la vita dei cittadini. Occorre avere maggiore cura e rispetto per il nostro patrimonio arboreo e colpire senza remore chi lo devasta o non fa il proprio dovere come è  successo con i giardinieri assenteisti scoperti negli ultimi giorni. Stamattina si è sfiorata la tragedia e dobbiamo lavorare affinchè questi rischi siano ridotti al minimo”. E’ il commento a caldo di Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi, e di Salvatore Iodice, consigliere del Sole che Ride della II Municipalità,  ai quali i residenti hanno affidato la loro amarezza e preoccupazione.

“Le poche  aree verdi – hanno aggiunto Borrelli e Iodice – esistenti sono molto spesso oggetto di abbandono e degrado da parte di teppisti e incivili. Si ritiene di poter vandalizzare ogni spazio dove cresca un fiore o un filo d’erba. Una mentalità che deve cambiare se vogliamo davvero una città sostenibile e a misura d’uomo”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: