Home Attualità Nuova riforma per le guardie particolari giurate

Giuseppe Alviti: dotare le guardie particolari giurate ai pronto soccorso di Napoli del giubbotto antiproiettile
Ecco cosa richiede il noto sindacalista napoletano Giuseppe Alviti leader associazione guardie particolari giurate alla manifestazione nazionale delle guardie particolari giurate che si terra’ a Napoli il 23 ottobre  alle ore 10 in piazza del Plebiscito.
Assistiamo con sconcerto e profonda amarezza da tempo a forme di isolamento lavorativo posto in essere alle Guardie Particolari Giurate , da anni segnaliamo quanto accade. Il settore della vigilanza privata (GPG) è composta da lavoratori/ci che non chiedono di possedere il mondo, bensì una attenzione adeguata a finché la categoria tutta, possa avere dopo anni di dura lotta una giusta e corretta riforma giuridica.

 

Retti da fonti di diritto non conforme con i principi istituzionali della Comunità Europea e da un regolamento che risale al lontano anno 1931. La materia in essere, esula certamente dalle competenze poste in essere alle Forze di Polizia, ma alcuni accorgimenti possono essere attribuiti a tale categoria. Le Guardie particolari Giurate, sono una solida base per una realtà di sicurezza privata e pubblica che accompagna da anni la nostra vita. Essi esistono, proteggono , a volte offrendo la loro stessa vita nell’adempimento del loro servizio. Vengono trovati in ogni tipo di realtà, in situazioni più o meno gravi svolgendo il loro compito in strutture diverse accompagnati da molteplici difficoltà e da uno stesso progetto di crescita. Stiamo parlando di una categoria di lavoratori “ SFRUTTATI, DERISI E ADDITATI, essi da anni chiedono un loro e proprio STATUS un riconoscimento che possa provvedere ad una qualificazione migliore. Oltre 50 mila Guardie Particolari Giurate sono dislocate in ogni angolo della nostra penisola, da nord a sud in paesini immersi in aperte campagne con tanta voglia di lavorare, prestando nel meglio il proprio servizio a tutela della collettività! l
 Il presente comunicato è dato per chiedere con fermezza una nuova discussione che porti nuove RIFORME per uno Stato con principi di rinnovamento e uguaglianza.
Punto 1
Cancellazione definitiva del nomignolo INCARICATI DI PUBBLICO SERVIZIO
Punto 2
Qualifica di Agente di Polizia Giudiziaria e Ufficiali di Polizia Giudiziaria
Punto 3
Polizia Privata
Punto 4
Dipartimento Nazionale della Polizia Privata nell’ambito del Ministero dell’Interno
Punto 5
Il Dipartimento deve essere composto al meno da una unità di ogni Forza di Polizia
Punto 6
Un nuovo regolamento accantonando il Regio Decreto del 1931
Punto 7
Uso del lampeggiante di colore BLU e sirena per i blindati trasporto valori
Punto 8
Una legge che stabilisca per tutta la Nazione il capo di abbigliamento ( Uniforme), indossando i diversi fregi di riconoscimento dell’Istituto di appartenenza.
QUINDI
Una riforma organica che dia dignità agli operatori del settore

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: