Home Cronaca Picchia la moglie davanti ai figli: arrestato dai carabinieri

Nella notte di ieri i militari della Stazione Carabinieri di Mangone e dell’Aliquota Radiomobile di Rogliano hanno tratto in arresto P.I., cittadino romeno 46enne da anni residente in Italia, per maltrattamenti nei confronti della moglie, sua connazionale. L’uomo, che ha già vari precedenti per reati contro la persona e, alcuni anni fa, era già stato tratto in arresto e condannato per aver cagionato delle lesioni alla moglie, è tornato ad essere violento nei suoi confronti, nonostante il tentativo della consorte di rimettere insieme i pezzi del matrimonio per amore dei quattro figli minori della coppia.

L’epilogo della vicenda nella notte di martedì: l’uomo, boscaiolo allo stato disoccupato ed ancora una volta totalmente ubriaco, scarica la propria frustrazione sulla moglie. Da qui gli schiaffi e le botte. Neppure la presenza in casa dei quattro figli che, destati dalle grida, hanno assistito alla scena di violenza è bastata a trattenere il marito. La donna, divincolatasi, è riuscita a contattare il 112 e a richiedere l’intervento delle pattuglie dell’Arma di Mangone e Rogliano, che si sono precipitati presso l’abitazione della coppia. Sul posto, attivata dai militari, giungeva anche un’ambulanza, che provvedeva a trasportare la donna, dopo che questa ha affidato i figli ad una connazionale sua conoscente, presso il pronto soccorso dell’ospedale civile di Cosenza per le cure del caso.

Il 46enne, portato presso la Stazione dei Carabinieri di Mangone e d’intesa con l’Autorità Giudiziaria, è stato dichiarato in arresto poche ore dopo a seguito delle evidenze raccolte dai militari ma, soprattutto, grazie alla denuncia della donna, ancora una volta fondamentale per ricostruire tutta la serie di episodi di violenza e maltrattamento subiti e porre la Magistratura e l’Arma dei Carabinieri nelle condizioni di scrivere la parola fine all’intera vicenda.

Nella mattinata di oggi, a seguito dell’udienza di convalida, nei confronti dell’uomo è stata irrogata la misura cautelare del Divieto di dimora nel Comune di residenza.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: