Home Cronaca Milano – Guardia Giurata travolge motociclista, lo crede morto e si spara...

Sciopero Nazionale Guardie Particolari Giurate sul rinnovo CCNL Vigilanza, il punto di Giuseppe Alviti

20 novembre 2019-Guardia Giurata, 26 anni, e motociclista, 65, sono stati portati in ospedale in arresto cardiaco. Il 26enne è stato dichiarato morto dopo le 5, in seguito è morto anche il centauro.

Probabilmente dopo essere passato col semaforo rosso travolge un motociclista di 65 anni, lo crede morto, si risiede in auto e, con la pistola d’ordinanza, si spara in testa. È proprio lì, seduto in auto, che lo hanno trovato pochi minuti dopo i soccorritori del 118. Lui, una Guardia Giurata di 26 anni, F. L. M., così come il motociclista sono stati rianimati a lungo sul posto ma alla fine sono stati trasportati in ospedale in arresto cardiaco.

 

Sul luogo dello scontro sono subito arrivate due ambulanze e due automediche dell’Azienda regionale emergenza urgenza. Con loro, i carabinieri del Nucleo Radiomobile e le pattuglie della polizia locale. Il quadro della situazione è subito chiaro. A terra, da un lato c’è il 65enne senza segni di vita. Così come senza segni di vita, seduto al posto guida, c’è il 26enne che lavora per Axitea.

Medici e infermieri cominciano subito il lavoro di rianimazione. Il motociclista viene poi trasportato all’ospedale Niguarda mentre la Guardia Giurata ( di origoni campane)al Policlinico. Entrambi sono gravi e per entrambi si spera nel miracolo ma, purtroppo, poco dopo le 5 arriva la notizia ufficiale della morte del 26enne e in seguito quella del 65enne.

Sul luogo dell’incidente restano carabinieri e polizia locale per fare i rilievi. Sembra che l’auto dell’istituto di vigilanza privata percorresse corso 22 Marzo in direzione centro mentre il motociclista arrivava da via dei Mille. La prima ipotesi dell’incidente per un rosso non rispettato resta da accertare. Per questo, oltre ai classici parametri presi in strada, si stanno cercando testimoni o telecamere che possano confermare il quadro della tragedia.

Sull ‘ episodio è intervenuto il noto sindacalista napoletano Giuseppe Alviti leader di Associazione nazionale guardie particolari giurate esprimendo il vivo cordoglio alla famiglia del collega e allo stesso tempo
Richiedendo ad horas una modifica della regolamentazione di servizio delle guardie particolari giurate e del perché il vigilante era di servizio da solo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: