10/08/2020 17:46
Home Cultura Arte Mediterraneo: Keramikos 2020-Museo Duca di Martina -Villa Floridiana

Inaugurazione della mostra Venerdì 20 dicembre 2019, ore 17.00

Venerdì 20 dicembre 2019 alle ore 17.00al Museo Duca di Martina di Napoli sarà inaugurata la mostra Mediterraneo: Keramikos 2020, a cura di Lorenzo Fiorucci, organizzata dall’Associazione culturale Magazzini della Lupa in collaborazione con il Polo museale della Campania, diretto da Anna Imponente, e il Museo Duca di Martina, diretto da Luisa Ambrosio.Mediterraneo: Keramikos 2020sarà visitabile dal 21 dicembre 2019 al 15 marzo 2020.

Il Mediterraneo è il filo conduttore che lega Napoli, la sua storia e la sua cultura, alla materia prima per eccellenza: la terra, con cui nei secoli l’uomo ha elaborato forme, narrato storie, impresso credenze, mescolato culture talvolta molto lontane e diverse, capaci oggi di offrire suggestioni formali, evocare itinerari, memorie di viaggi che riecheggiano anche nelle collezioni del Museo Duca di Martina.

Sul tema si sono interrogati 26 artisti,suddivisi in tre ambiti: una sezione Omaggio, che rappresenta un tributo a quattro maestri della scultura del Novecento –Clara Garesio, Muky, Giuseppe Pirozzi e Franco Summa –e due sezioni che sintetizzano le modalità con cui gli artisti si sono relazionati al Mediterraneo:Memoria del Mediterraneo, con opere di Toni Bellucci, Andrea Caruso, Tonina Cecchetti, Eraldo Chiucchiù, Giorgio Crisafi, Carla Francucci, Evandro Gabrieli, Mirna Manni, Sabine Pagliarulo, Angela Palmarelli, Antonio Taschini, e Metafora del Mediterraneo,in cui espongono Rosana Antonelli, Luca Baldelli, Massimo Luccioli, Massimo Melloni, Riccardo Monachesi, Sabino de Nichilo, Marta Palmieri, Attilio Quintili, Mara Ruzza, Stefano Soddu, Alfonso Talotta.

Nata nel 2007 con l’intento di valorizzare la ceramica quale mediumespressivo, la biennaleKeramikostestimonia la vitalità di una tradizione scultorea antichissima e la sua sempre più assidua presenza sulla scena artistica contemporanea. Dal 2014 è ideata e organizzata dall’associazione culturale Magazzini della Lupadi Tuscania, che negli anni ha contribuito a diffondere, attraverso mostre e pubblicazioni, la conoscenza della scultura ceramica

 

contemporanea. Questa edizione partenopea conferma l’impostazione data dal curatore Lorenzo Fiorucci all’edizione di Viterbo nel 2018, perfezionandone ulteriormente la proposta: non più una visione che storicizza il contemporaneo, ma all’opposto le ricerche odierne che attualizzano e riflettono attorno ad un argomento che attraversa la storia.

La mostra Mediterraneo insiste sull’idea di un vasto enclave di saperi tramandati e attualizzati, in un’area ampia e condivisa tra maestri riconosciuti ed interessanti esperienze più recenti. Questa selezione di opere si presenta come una continua sorpresa, un resoconto dei molti significati affidati alla intrinsecafragilità della ceramica, alla seduzione del destinatario e anche al suo terrore”, dichiara il Direttore del Polo, Anna Imponente.

Con la mostra Mediterraneo: Keramikos 2020 – afferma il direttore del Museo Duca di Martina, Luisa Ambrosio – continua l’impegno del Museo ad accogliere nuove e diverse espressioni contemporanee dell’arte ceramica e presentarle in uno dei siti museali più antichi della città di Napoli, costituto in massima parte dal fondo di Placido de Sangro, duca di Martina (ante 1891). Dal 2014, infatti, è stato intrapreso un percorso di graduale conoscenza delle realtà ceramiche contemporanee e della produzione di design, promuovendo mostre e incontri didattici”.

La mostra è corredata da un catalogo edito da Freemocco, con presentazione di Anna Imponente, introduzione di Luisa Ambrosio e testi di Valentina Fabiani, Lorenzo Fiorucci, Domenico Iaracà, Francesca Pirozzi, Marco Maria Polloniato.

La Redazione- Riceviamo e Pubblichiamo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: