Home Cultura Cinema e Tv L’attrice Margherita Mannino in Doc- Nelle Tue Mani su Rai1

La giovane attrice veneta Margherita Mannino si sta facendo sempre più strada nel mondo del teatro, del
cinema e della televisione. Di recente, la ragazza ha infatti avuto modo di prendere parte anche a Doc-Nelle
Tue Mani, la fiction con protagonista Luca Argentero:
“Sono stata Matilde nell’ottavo episodio. Un’astronauta decisamente particolare. Ho trovato un ambiente
di lavoro sereno e fresco, elemento reso possibile anche dal cast, i cui attori sono tutti molto giovani. Doc è
costruita più sul modello americano delle serie tv, ha un approccio molto estero in questo senso. Si nota
tutta la qualità che ha. Gli ascolti l’hanno premiata. Penso che questo dipenda anche dalla storia che è stata
raccontata, ispirata a quello che è davvero successo a Pierdante Piccione, un medico che in seguito ad un
incidente ha perso 12 anni della sua memoria”.
Una carriera, quella di Margherita, che passa anche attraverso il teatro…
“Prima che tutto venisse bloccato a causa dell’emergenza Covid19, ho avuto la possibilità di interpretare il
ruolo della senatrice Liliana Segre, all’interno di uno spettacolo – che abbiamo portato anche nelle scuole –
prodotto dalla Milk. Ritengo che il teatro sia importante per insegnare qualcosa, per dare dei messaggi. C’è
stata una grande risposta da parte delle scuole e degli insegnati. Spero che sia servito anche per frenare i
messaggi d’odio che, negli scorsi mesi, si sono riversati sulla Segre. Noi lo spettacolo, ad onor del vero,
l’avevamo pensato prima di tutto il clamore che si è innescato attorno a lei, una donna di 90 anni da cui
bisogna imparare tanto”.
Coronavirus che non ha permesso anche ad un film importante di andare nelle sale:
“Era basato sulla storia di Mario Mieli, l’attivista omosessuale e baluardo del movimento. Tra l’altro è stata
bloccata pure la tournee di Morte di Un Commesso Viaggiatore, che mi vedeva nel cast insieme ad
Alessandro Haber, Duccio Camerini e tanti altri. Anche un cortometraggio, a cui tengo particolarmente
perché parla in un modo inusuale di violenza sulle donne – che si intitola L’Aurora -, è stato presentato solo
on line al Cortinametraggio. Lì sono la protagonista, recito insieme a Francesco Wolf e a Sara Lazzaro, che in
DOC interpreta Agnese, la moglie del medico Andrea Fanti (Luca Argentero)”.
Quando si parla di Margherita non si può, inoltre, non citare la sua esperienza nel film Lovers:
“Ero Giulia, la protagonista. Cast pazzesco e forte, da Primo Reggiani ad Ivano Marescotti, passando per
Antonietta Bello. La forza di quel film è che ciascuno di noi ha potuto interpretare quattro personaggi. Lì ho
dato ampio spazio alla mia immaginazione. Quel lavoro è stato girato interamente a Bologna, una città che
io conosco bene”.
La Mannino, che ha una passione per i viaggi e mantiene le amicizie coltivate ai tempi della scuola, ha
cominciato a recitare alle superiori, decidendo di perseguire completamente la strada dell’attrice dopo
ottenuta la laurea in Giurisprudenza. La donna spera dunque che l’emergenza Coronavirus, quando
terminerà, possa far nascere delle nuove idee nel mondo dell’arte:
“Penso ci sarà una ripresa molto lunga nel settore, ma non voglio essere pessimista. Sicuramente sarà
difficile, soprattutto nel primo periodo, fare degli spettacoli in teatri dove ci sono 800 posti; non si
potrebbero mantenere le giuste distanze. Bisognerà stare attenti agli assembramenti. Però chissà, magari
tutto ciò porterà alla nascita di un nuovo teatro, ad un nuovo modo di approcciarsi a quest’arte”.

La Redazione- Riceviamo e Pubblichiamo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: