29/10/2020 08:04
Home Cultura Musica “ASIA” il nuovo singolo di Demis Facchinetti 

Esce il 22 giugno sui maggiori digital store il nuovo singolo di Demis Facchinetti che, reduce dal 10° compleanno di “Me ne frego di tutto”, esplode con una storia d’amore tra rock italiano e pop internazionale.

Al suo fianco, Luca Marchetti, chitarrista storico fin dal tempo dei DRB.

“Asia”, questo il titolo della canzone, è una storia d’amore sospesa – quasi come il primo episodio di una saga fantasy – tra la passione divorante degli amanti e un destino avverso che fa sì che i due non incontrino mai.

È lì che interviene, discreta ma determinante, una figura astratta che – nelle sembianze di narratore – vuole aiutare lui ad entrare nel mondo fantastico di lei.

L’attesa sembra infinita, la battaglia persa ma lei… lo aspetterà!

La produzione del singolo è di Demis Facchinetti e Luca Marchetti, registrato presso Elfo Studio di Tavernago (Piacenza). Hanno collaborato alla realizzazione del brano: Raoul Galbardi (basso), Cristian Cappellini (chitarra acustica), Marco Masserdotti (Batteria), Luca Marchetti (chitarra elettrica e voce).

Note d’autore

Demis Facchinetti nasce a Brescia il 10 settembre 1979, comincia a fare i primi passi in campo musicale all’età di 10 anni. Studia canto, pianoforte e chitarra che diverrà parte caratterizzante della composizione artistica dei suoi brani. “Studio canto e pianoforte sin da ragazzo ma quando compongo, prediligo la chitarra. E’ lo strumento che maggiormente esprime le emozioni che voglio mettere in musica.” Demis calca numerosi palchi, dai locali alle piazze d’Italia con diverse formazioni: DNA – con i quali si esibisce in veste di cantante/ tastierista e partecipa a diversi concorsi musicali ( “Un Mare di Musica” 1996, il Festival del rock “ Zona musica”1997 ).

LAXO – gruppo fondato nel 2001, pubblica il suo primo singolo “Reborn unsafe”, promosso con un mini tour nei piccoli teatri del nord Italia.

Nel 2002 i LAXO si sciolgono e il progetto musica viene portato avanti dal solista Demis Facchinetti.

Dal 2004 al 2007 collabora con l’etichetta indipendente PRO.GE.NE. s.r.l..

Partecipa nel 2004 all a finalissima del “Festival nazionale dell’Abruzzo”,aggiudicandosi il premio come miglior testo con il brano “Prima che sorga il sole”.

Nel 2005 partecipa al festival nazionale “L’Italia che canta” confermandosi al terzo posto.

La grande occasione si presenta nel 2010. Demis Facchinetti approda al talent show di Canale 5 “Italia’s Got Talent” dove si misura con una giuria d’eccezione composta da : Maria De Filippi, Rudy Zerbi e Gerry Scotti. Giunge in finale, si classifica al terzo posto dove presenta il suo nuovo singolo “Me ne frego di tutto”

Dopo anni di live in giro per l’italia nel 2016 entra nella compilation “Sognando Sanremo” con grandi artisti della musica italiana come Renato Zero, Nek, Patti Pravo e tanti altri con il brano “100 Baci”

Nel 2017 esce il singolo “Amami” con la sua band storica e nel 2018 sempre con la sua band esce “Bambolina”

Nel 2019 la svolta, “Il gioco del segreto” è il nuovo singolo dove Demis oltre ad essere artista è anche discografico del suo lavoro.

Arriva l’anno 2020 ed è arrivato il momento di Festeggiare i 10 anni di “Me ne frego di tutto”, l’ 11 Maggio esce la versione ufficiale suonata da DRB.

Il 22 giugno sempre del 2020 Facchinetti esce con il singolo “Asia”.

https://www.facebook.com/profile.php?id=1476703749

https://www.facebook.com/demisfacchi/

https://www.youtube.com/results?search_query=demis+facchinetti

Intervista a cura di Giovanni Iodice

E’ uscito da poco il nuovo singolo “Asia”. Perché un singolo dal titolo “Asia” e, in particolare, il significato che intendi attribuire a questo singolo?

Asia come dicono le prime parole del brano rappresenta “un posto magico” non importa se reale o di fantasia, ritengo che ognuno di noi debba avere un posto dove tutto è perfetto, con questo singolo racconto la storia di due persone che non riescono ad incontrarsi perchè uno vive in un mondo di fantasia mentre l’altro vive nel mondo reale ed io sono una sorta di narratore che vuole agire per fare in modo che i due si incontrino, ma non posso svelare se riusciranno

Un brano dalle sonorità rock italiano e pop internazionale.

In quale genere musicale si identifica l’arte di Demis Facchinetti?

Io sono da sempre un cantautore che strizza l’occhio al rock italiano ed è in quella direzione che mi piace lavorare, nel mio repertorio ci sono brani classici del rock melodico e brani più aggressivi ma rimanendo sempre nel mondo rock/pop Alle spalle hai una lunga carriera artistica.

Qual è l’esperienza più significativa ed il riconoscimento che ritieni più importante, ricevuto fino ad adesso?

Se parliamo di importanza per il mio lavoro di sicuro la mia presenza al talent di canale 5 Italia’s got talent, se però devo parlare di importanza personale credo che i concerti, il contatto con la gente sia il riconoscimento più grande, vedere la gente cantare le tue canzoni e sapere che per loro sei un punto di riferimento è molto bello Hai studiato canto ed hai partecipato ad un talent “Italia’s Got Talent”. Qual è il tuo pensiero a riguardo e, in particolare, cosa consiglieresti ad un giovane artista: talent o gavetta?

Io sono approdato ad un talent dopo tanti anni di gavetta perciò il mio consiglio è farsi le ossa suonando il più possibile in giro per locali e feste e poi tentare anche la strada del talent perchè al giorno d’oggi è un percorso alternativo ma efficace ed immediato ma come dicevo prima serve avere una buona dose di esperienza per poter poi sopravvivere nel mondo musicale

Quanto e in cosa ti senti cambiato in questi anni di produzione musicale?

E’ una crescita continua ed il mio modo di scrivere è in continua evoluzione pur rimanendo uno stilo molto personale e diretto, mi capita spesso di rileggermi con attenzione i testi di canzoni scritte molti anni prima ed è li che mi rendo conto della crescita reale interiore che è avvenuta Cosa ha rappresentato per te questo periodo di stop dai live?

Per me ha rappresentato un momento per potersi dedicare completamento alla discografia, ho pubblicato due singoli nel giro di due mesi e non è finita qui, ho approfittato di questo periodo anche per chiarire bene i miei obiettivi e concentrarmi su ciò che volevo veramente, prima c’erano troppe distrazioni e per me era un lavoro molto difficile da fare Come hai intrattenuto i tuoi fan durante la quarantena?

In questo periodo mi sono dedicato a condividere il periodo che stavamo vivendo con altri artisti, settimanalmente ho fatto dirette sui social un po per esibirmi ma per la maggior parte delle volte per confrontarmi con altre persone del mondo dello spettacolo e arte in genere, è stata anche questa un’esperienza molto importante dal mio punto di vista Nel 2016 entri nella compilation “Sognando Sanremo”.

Ci racconti di quel progetto?

Sognando Sanremo è stata un occasione unica per poter vedere il mio nome accanto ad artisti di livello nazionale, un emozione davvero forte anche perchè il brano inserito è stato un brano registrato dal vivo con la mia band e quando si riesce a portare un brano live in un cd è una soddisfazione immensa Quest’anno ricorre il decennale di “Me ne frego di tutto”. Una filosofia di vita?

Tirando le somme da quel progetto artistico?

Diciamo che è la mia filosofia di vita…. me ne frego delle cose inutili e superficiali e mi concentro sui veri obiettivi che voglio raggiungere, me ne frego di tutto ma non di tutti, sono passato dieci anni, sono cresciuto artisticamente ma la voglia di raccontare, emozionare ed emozionarmi non è cambiata, la musica è magia

Quali saranno i tuoi prossimi passi?

Entro fine anno sicuramente si concretizzerà questo lavoro con l’uscita dell’album, questo non toglie che nel frattempo non faccia uscire altri singoli, ci sto prendendo gusto, ovviamene oltre al lavoro discografico sto preparando concerti acustici ed elettrici, c’è bisogno di contatto ed emozioni vere

 

La Redazione- Riceviamo e Pubblichiamo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: