28/09/2020 07:10
Home Politica Di Bernardo: Lo sviluppo delle risorse di mare e di terra come...

Nel programma dei Verdi Europei – Demos azioni di monitoraggio costante del territorio

Le risorse di terra e di mare diventano fonte di ricchezza e sviluppo se incontrano lungo il cammino amministratori che sanno valorizzarne ogni aspetto. “Ecco perché – come spiega Imma Di Bernardo, candidata nella lista dei Europa Verde-Demos al consiglio regionale della Campania- i nostri programmi prevedono sia per la pesca, che per l’agricoltura, interventi mirati per valorizzare le piccole realtà che operano in questo settore, soprattutto vendendo i prodotti in maniera diretta”.

Molti degli strumenti che già esistono il più delle volte risultano inaccessibili: “Il programma che abbiamo in mente -prosegue Di Bernardo- prevede la riduzione degli oneri finanziari per l’accesso ai bandi del Psr e Feamp. La semplificazione delle norme in materia di trasformazione degli alimenti e deroghe sanitarie per le produzioni tipiche. Quando ci insedieremo nel nuovo consiglio con a capo il presidente Vincenzo De Luca, uno degli obiettivi sarà il sostegno ai Comuni per l’istituzione di parchi agricoli e lo sviluppo del marchio De.C.O. (denominazioni comunali) dando massima attenzione alle produzioni Ogm free”.

Non mancano idee anche per il sostegno della vendita al dettaglio: “Con l’apertura di mercati di vendita diretta, intendiamo sostenere tutte le attività commerciali. Un indotto, molto spesso trascurato, arriva dal settore turistico. Vanno anche incoraggiate le realtà ristorative aiutandole nel reperimento dei prodotti agroalimentari locali (inserite nei tradizionali (PAT) e quelle che vantano le Indicazioni Geografiche (Dop, Igp, Stg) in modo da portarle con maggiore faciltà all’attenzione di chi oltre a visitare le bellezze naturali e culturali intende anche assaporare un pezzo di territorio. In quest’ottica occorre incentivare i distretti agroalimentari di qualità e rurali, soprattutto a quelli con una visione regionale, anche attraverso l’istituzione di un coordinamento regionale dei Consorzi di Tutela e Associazioni delle Dop e Igp. Realizzando così un vero e concreto Piano Agricolo e Pesca Regionale”.

Tutte misure che per dare i giusti risultati devono essere monitorate da esperti con occhi ben aperti sul settore e cercando di ripopolare di giovani la Campania: “Massima attenzione alle aree interne, sempre più povere di abitanti. Una depressione generata, oltre che dal calo demografico, dalla fuga dei giovani causa difficoltà di inserimento lavorativo. Riportare i giovani e le persone all’agricoltura, soprattutto naturale, di qualità e senza ogm, vuole dire rendere nuovamente vivo ogni angolo del territorio”.

Ultimo aspetto la sicurezza: “Vogliamo dare priorità alla manutenzione dell’ambiente agrosilvopastorale e della montagna” conclude la candidata al Consiglio Regionale della Campania per Verdi Europa – Demos Immacolata Di Bernardo. “In sintesi, occorre costruire un rapporto concreto tra agricoltori, allevatori, ambientalisti, istituzioni e montagna, in cui l’ambiente, la qualità della vita, la sicurezza, il sostegno concreto alle piccole e medie realtà produttive agricole e industriali, lo sviluppo dell’agricoltura biologica e il turismo consapevole siano al centro delle attenzioni delle politiche regionali”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: