Home #SIAMOARTE #siamoarte-Il giovane rapper VMonster dall’esordio al nuovo singolo #maserati

Uno dei giovani artisti promettenti dell’attuale scena musicale campana è V Monster. Vincenzo, già da diversi anni sulla scena, continua a riscuotere successo e a farsi notare dai più. Acclamato dai giovani, Vincenzo è molto seguito sui social e i suoi pezzi, sulle piattaforme musicali, sono molto ascoltati. È recente l’uscita dell’ultimo lavoro discografico, il singolo “Maserati”. Abbiamo intervistato V Monster che ci ha parlato del progetto, dell’attuale scena musicale campana, del rapporto con gli altri artisti e con i social.

Come nasce il tuo progetto artistico e il nome d’arte?

Il progetto artistico V Monster nasce dal fatto di avere voglia di scrivere ciò che penso, le proprie emozioni. Il nome, invece, nasce dal mio nome Vincenzo e da O monstr, in quanto in quartiere venivo così chiamato. In inglese è diventato V Monster.

Quanto ti senti cambiato nel corso degli anni dal punto di vista musicale?

Dopo tre anni bisogna cambiare ma soprattutto bisogna evolvere il proprio genere musicale. Ci sono persone che dicono, ad esempio, che non sono più quello dello scorso anno o del passato quando uscì il pezzo dal titolo “Femmn” che andò benissimo. Ci sono periodi no e periodi in cui ci si sente superiori a ciò che si era prima. L’artista si evolve in base ai periodi.

Cosa pensi delle collaborazioni tra artisti?

Sono un artista che non collabora facilmente con altri. Quanto ai palchi, ho condiviso la scena con molti colleghi, tra cui il grande Guè ed altri campani. È una scelta artistica e personale. Credo che per collaborare con determinati artisti ci debba essere un certo feeling. A volte può succedere anche di avere feeling con un artista ma non collaborare. La collaborazione viene da uno spirito, se non c’è magia non si conclude nulla. Ho tanti pezzi comunque registrati con altrettanti artisti dell’attuale scena.

Qual è la tua opinione dell’attuale scena campana?

Prima per noi ragazzi campani era più difficile inserirsi. Da qualche anno a questa parte, invece, la scena si è ampliata sia per la conoscenza sia per i modi di fare. Siamo saliti di livello e questa cosa mi fa piacere.

Perché ascoltare la musica di V Monster?

Io ascolterei V Monster perché parla chiaro all’ascoltatore, non fa giri di parole. Sono molto esplicito nella lirica dei testi così da far capire a chi mi ascolta ciò che voglio trasmettere.

Quanto sono importanti per un giovane artista i fan?

Credo che i fan siano la cosa più importante, ma allo stesso momento è importante la musica. Ci sono fan più accaniti, sono come discepoli ed altri, invece, vanno a seconda di quanto la musica sia bella. I fedeli te li tieni e saranno quelli che ascolteranno di te tutto anche un pezzo meno pompato e meno commerciale; i fan meno statici, invece, devono essere accontentati sempre con ottima musica. È un periodo in cui la musica si evolve facilmente, mentre esce un pezzo ne esce un altro.

I social e la musica. Qual è il tuo pensiero a riguardo?

È molto più facile emergere nella scena campana, perché i fan hanno voglia di ascoltare. Non c’è più quel limite che c’era, invece, prima. Oggi la musica è ampia così come l’ascolto. Il mio è un genere musicale giovanile. È molto più facile sfondare oggi, basta comprare kit e registrare una canzone. Se sai fare musica, riesci a sfondare. Siamo tornati nell’epoca della meritocrazia. Il problema oggi non è sfondare ma prendere posizione nella scena. Su Instagram sono stato sempre veritiero, molto sciolto nel dimostrare ciò che ero al di là del personaggio; su YouTube, invece, ho sempre mantenuto dei canoni. Questa volta anche su YouTube stiamo cercando di dare un nuovo lato dell’artista, quello personale.

La Redazione- Riceviamo e Pubblichiamo

Rispondi