Home Attualità Scegliere l’agente immobiliare in 7 mosse

I luoghi comuni sulle agenzie e sugli agenti immobiliari sono tanti e duri a morire. Affidarsi a professionisti veri, però, è un «vantaggio competitivo» perché fornisce al cliente un servizio unico e personalizzato. Ecco un vademecum a cura della startup del real estate H2ome

Molti di noi associano «agenzia immobiliare» o «agente immobiliare» a una ulteriore (e inutile) spesa per acquistare o vendere un immobile. Sono tanti i luoghi comuni sulla figura del professionista del settore immobiliare. Spesso sono addirittura alimentati dal mondo del cinema, ricordiamo lo straordinario Carlo Verdone in «Gallo Cedrone» che tenta di convincere l’acquirente a comprare una casa fatiscente; ma ci sono anche casi nella letteratura, come la spregiudicata Helen Boyle, protagonista del romanzo «Ninna nanna» di Chuck Palahniuk.
La nostra esperienza o l’esperienza dei nostri amici, com’accade nelle piccole scelte o domande quotidiane, rischia di «fare di tutta un’erba un fascio». In realtà non tutti gli agenti immobiliari o le agenzie immobiliari sono uguali. Se vi affidate a dei professionisti veri quella che pensate sia solo una «ulteriore spesa» si rivelerà essere un servizio unico e personalizzato. Ecco un vademecum a cura della startup del real estate H2ome, l’unica in Italia a proporre un modello contrattuale innovativo che ripaga il cliente del tempo perso in caso di mancata vendita. H2ome, alla sottoscrizione dell’incarico, si impegna con una penale a carico dell’agenzia a vendere l’immobile entro i termini e le condizioni stabilite. Se non accade, ripaga il cliente del tempo perso per la mancata vendita con un assegno circolare per una cifra tra i 3.000 e i 6.000 a seconda del valore dell’immobile. Nel caso in cui la vendita vada a buon fine, l’agenzia riprende l’assegno, altrimenti viene incassato dal cliente.
Non si tratta, pertanto, di un rimborso del costo di agenzia ma di un vero e proprio guadagno per il cliente che, ad avvio mandato, non anticipa alcuna somma.

Per orientarvi nella scelta queste sono le sette cose che un agente immobiliare serio non fa mai.

1) Un professionista non suona al citofono a qualunque ora del giorno della notte per farsi ricevere o prendere un appuntamento.

2) Un agente immobiliare serio non accetta incarichi senza mandato, senza provvigioni, senza esclusiva e in condominio con altri mandatari in concorrenza tra loro.

3) Un agente immobiliare preparato non valuta il tuo appartamento sul pianerottolo o sulla rampa delle scale. Stila la valutazione dell’immobile per iscritto inserendo le comparazioni di mercato con immobili simili e valutando la presenza dei diversi competitor. Inoltre, è in grado di spiegare le caratteristiche positive e negative delle diverse case in vendita presenti nella zona di pertinenza.

4) Un agente immobiliare accorto non assume incarichi di immobili in vendita al «prezzo da sogno» del venditore, chiaramente fuori mercato, solo per aumentare il proprio portfolio di proposte. Proporre un immobile ad un prezzo inadeguato può, infatti, insinuare nell’acquirente dubbi sul suo operato professionale.

5) Un agente immobiliare professionale non è evasivo nelle risposte. Deve essere chiaro e trasparente nel presentare i propri servizi al cliente e non generare false aspettative, spiegando che il suo lavoro non si riduce ad accompagnare i clienti a vedere gli appartamenti. Il suo è un lavoro quotidiano di studio e analisi dell’andamento delle diverse pubblicità, di attenzione per la protezione della privacy del cliente, di esame dettagliato delle documentazioni dell’immobile. Questo, anche per facilitare il lavoro dei diversi professionisti che saranno incaricati prima e dopo il contratto preliminare.

6) Un agente immobiliare serio non propone la medesima soluzione a tutti i clienti. Sa bene che il tempo del potenziale acquirente è importante quanto il proprio per cui cercherà di selezionare il più possibile i visitatori che spesso vogliono visitare immobili solo per curiosità e proporrà esclusivamente appartamenti adeguati al budget e alle esigenze del cliente.

7) L’agente immobiliare non deve lasciare il cliente nel dubbio. Deve infondere sicurezza e fiducia in chi è interessato a vendere o acquistare l’immobile al miglior prezzo e secondo le proprie esigenze. Il mercato è «invaso» dalle agenzie immobiliari e ciò produce diffidenza e pregiudizi in coloro che non conoscono l’ambiente. L’agente immobiliare serio è paziente e preparato alle domande del cliente perché sa che con il dialogo e la competenza professionale la diffidenza e il pregiudizio vengono meno.

—————————–
H2ome, start up romana attiva su tutto il territorio nazionale, ha lanciato sul mercato immobiliare un modello contrattuale innovativo.
H2ome, alla sottoscrizione dell’incarico, si impegna con una penale a carico dell’agenzia a vendere l’immobile entro i termini e le condizioni stabilite. Se non accade, ripaga il cliente del tempo perso per la mancata vendita con un assegno circolare per una cifra tra i 3.000 e i 6.000 a seconda del valore dell’immobile. Nel caso in cui la vendita vada a buon fine, l’agenzia riprende l’assegno, altrimenti viene incassato dal cliente.
Non si tratta, pertanto, di un rimborso del costo di agenzia ma di un vero e proprio guadagno per il cliente che, ad avvio mandato, non anticipa alcuna somma.
Se si ottiene il risultato, H2ome trattiene il 3% di provvigione. L’obiettivo è migliorare la fiducia tra cliente e agenzia e garantire un impegno serio e continuativo al proprietario dell’immobile. La stima del prezzo di vendita viene determinata con l’ausilio di fonti ufficiali dell’agenzia del territorio (OMI), che fa riferimento all’Agenzia delle Entrate e all’andamento del mercato di ciascuna zona.

Per informazioni www.H2ome.casa

_______________________

Roma, Annuncio di Lavoro – H2OME

H2ome, agenzia immobiliare, seleziona n.2 esperti periti (con p.iva) da inserire nell’ufficio di Roma (zona Parioli).
I candidati si occuperanno della stima e della valutazione di cespiti immobiliari in entrata, da proporre al mercato.
È richiesta comprovata esperienza nel settore dell’intermediazione immobiliare di almeno due anni.
Si offrono condizioni economiche di grande interesse che prevedono rimborso spese, alte provvigioni (fino al 30%) e incentivi mensili di produzione.

H2OME ha presentato sul mercato l’ innovativo servizio di vendita che obbliga l’agenzia a pagare una penale nel caso in cui l’immobile valutato rimanga invenduto alla scadenza dell’incarico.

Inviare C.V al seguente indirizzo a: Info@h2ome.casa
Info: www.h2ome.casa

H2OME

H2ome, start up romana attiva su tutto il territorio nazionale, ha lanciato sul mercato immobiliare un modello contrattuale innovativo.
H2ome, alla sottoscrizione dell’incarico, si impegna con una penale a carico dell’agenzia a vendere l’immobile entro i termini e le condizioni stabilite. Se non accade, ripaga il cliente del tempo perso per la mancata vendita con un assegno circolare per una cifra tra i 3.000 e i 6.000 a seconda del valore dell’immobile. Nel caso in cui la vendita vada a buon fine, l’agenzia riprende l’assegno, altrimenti viene incassato dal cliente.
Non si tratta, pertanto, di un rimborso del costo di agenzia ma di un vero e proprio guadagno per il cliente che, ad avvio mandato, non anticipa alcuna somma.
Se si ottiene il risultato, H2ome trattiene il 3% di provvigione. L’obiettivo è migliorare la fiducia tra cliente e agenzia e garantire un impegno serio e continuativo al proprietario dell’immobile. La stima del prezzo di vendita viene determinata da professionisti con l’ausilio di fonti ufficiali dell’agenzia del territorio (OMI), che fa riferimento all’Agenzia delle Entrate e all’andamento del mercato di ciascuna zona.

Rispondi