Home Comuni Napoli RIDIAMO VITA ALL’ARTE IL 15 MAGGIO A PIAZZA DEL PLEBISCITO

Tutto pronto per la manifestazione “Ridiamo vita all’Arte”, che si terrà a Napoli, in Piazza del Plebiscito, il 15 maggio 2021, alle ore 11,00, con protagonisti i settori della Danza, delle Palestre, dello Spettacolo ed Eventi in generale.

Questi settori hanno sempre dato una grande lezione di civiltà e rispetto delle regole, delle norme e delle ordinanze, già prima della pandemia. Sono 14 mesi che queste attività sono ferme e, di conseguenza, tutte le numerose professioni che vi ruotano attorno. Nonostante la gravità della situazione e le tante restrizioni, non abbiamo mai perso il controllo.

Con questa manifestazione pacifica, vogliamo ribadire la nostra esistenza, per sensibilizzare gli organi istituzionali ad aprire un tavolo di trattativa e organizzazione per stabilire una ripartenza di tutti i settori coinvolti. Senza certezze non c’è progettazione e il nostro settore non può vivere solo di pianificazioni a breve termine. “Ridiamo vita all’Arte” vuole dimostrare che c’è un intero comparto produttivo formato da: scuole di danza, palestre, lavoratori dello spettacolo, aziende di servizi, società di organizzazione eventi, animatori, fornitori, tecnici (audio, video, luci), allestimenti strutturali temporanei, allestimenti scenografici, teatri, palasport, club, arene, aziende di movimentazione materiali, sartorie, cooperative dello spettacolo, servizi di facchinaggio, agenzie di sicurezza, studi di progettazione e calcolo, artigiani e liberi professionisti, società di produzione, consulenti e professionisti della sicurezza dei lavoratori, oltre a tutta una serie di altre professioni legate al mondo degli eventi in generale.

Se non ripartiamo, non riparte una buona parte del Paese e questo disastro avrà un’importante ricaduta anche sulle casse dello Stato. Riaccendete le luci e aprite il sipario sulle nostre realtà. Per poter partecipare si consiglia di indossare abbigliamento e mascherina nera (possibilmente ffp2), di rispettare gli spazi, le distanze, il silenzio e la compostezza e di portare un simbolo rappresentativo del proprio settore. Naturalmente sono ammessi gli striscioni e i cartelloni, sono vietati gli slogan offensivi, le frasi discriminatorie, le parolacce, le bandiere o i simboli politici.

Firmato Lucia Del Giudice, Maria Luigia Esposito, Beatrice Guerriero, Valerio Guidorizzi, Siro Nespola, Carmela Pirozzi, Anna Pisco, Simona Russo e Barbara Scaramuzzi.

La Redazione- Riceviamo e Pubblichiamo

Rispondi