Home Sanità-Salute Covid: 17 Regioni a rischio moderato

’incubo covid non sembra aver lasciato il nostro paese nonostante il proseguimento della campagna vaccinale. La divisione in zone a colori non è poi così lontana, e la prima a passare in giallo sarà la Sicilia.
Il covid continua a rappresentare un vero e proprio incubo senza fine e con l’aumento dei contagi diverse regioni potrebbero ritornare ad essere suddivise per colori e quindi a dover attenersi alle varie restrizioni che oramai gli italiani conoscono. La Sicilia si trova in zona gialla da lunedì 30 agosto e i parametri sono ancora oltre la soglia stabilita: 22,5% in area medica e 13,9% in terapia intensiva. Le Regioni e Province autonome che questa settimana risultano classificate a rischio moderato a causa dei contagi da covid registrati nell’ultimo monitoraggio sono 17 (contro le 10 di settimana scorsa). L’incidenza settimanale a livello nazionale dei casi di Covid-19 cala invece a 74 casi per 100mila abitanti (per il periodo 27 agosto – 2 settembre) rispetto ai 77 del periodo 20-26 agosto. Cala anche l’Rt a 0,97.

Le 17 Regioni a rischio moderato sono Sicilia, Veneto, Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, oltre alle province autonome di Bolzano e Trento. Le restanti 4 Regioni (Sardegna, Toscana, Umbria e Valle d’Aosta) risultano classificate a rischio basso.

La Sicilia, in zona gialla da lunedì 30 agosto si trova attualmente con i parametri oltre la soglia stabilita: 22,5% in area medica (contro la soglia del 15%) e 13,9% in terapia intensiva (contro la soglia del 10%). Scende l’incidenza di casi per 100mila abitanti: 190,4 contro 200,7. Sardegna al limite del 15% per l’area medica e intensive sopra il limite con il 13,2%, valori in salita ma incidenza in discesa (117,4 contro 148,5). In Calabria il 16,8% dei posti letto nei reparti ordinari è occupato, mentre le terapie intensive sono sotto soglia (8,9%).

Covid: la variante Delta domina in Italia

La circolazione della variante Delta è prevalente in Italia e in Europa ed è associata a un aumento nel numero di nuovi casi di infezione anche in altri Paesi con alta copertura vaccinale. Una più elevata copertura vaccinale e il completamento dei cicli di vaccinazione rappresentano, si sottolinea, gli strumenti principali per prevenire ulteriori recrudescenze di episodi di aumentata circolazione del virus sostenuta da varianti emergenti con maggiore trasmissibilità. Si conferma, inoltre, la necessità di realizzare un capillare tracciamento e contenimento dei casi, mantenere elevata l’attenzione e applicare e rispettare misure e comportamenti per limitare l’ulteriore aumento della circolazione virale.

Fonte Immagine:https://www.pexels.com/it-it/foto/letti-d-ospedale-bianchi-236380/

La Redazione- Riceviamo e Pubblichiamo

Rispondi