Home Gusto e Sapori Pizza e sfizi Panini vegani, sostenibili e colorati: apre a Napoli Bionic Burger

panini 100% plant based sono i protagonisti del nuovo trend alimentare, fondato su tutela della biodiversità e riduzione dell’impatto ambientale. Napoli risponde a questa richiesta di mercato con Bionic Burger, che con i suoi panini vegani, colorati e sostenibili, sbarca su Uber Eats lunedì 11 ottobre. Nel menù ci sono hamburger rigorosamente “Beyond Meat” con farciture che strizzano l’occhio agli Usa (il “The Yankee” è un cheesburger con formaggio vegano) e al Giappone (gli ingredienti del “Tokyo Vibes” sono soia, alga wakame, crema di patate viola e cavolo viola marinato).

Completano l’offerta lo “Spicy Chick” (Cotoletta piccante, insalata, funghi, salsa al pomodoro in agrodolce) il “Moana” (Hamburger Beyond Meat, patate al forno, cipolla in agrodolce caramellata, pecorino al tartufo e buccia di limone) e il “Miami Vice” (Burger di lenticchie, guacamole e coleslaw). Per completare il pasto è possibile ordinare anche patatine al forno croccanti anche con fonduta di tartufo e una selezione di birre.

L’idea nasce dall’incontro di tre amici Raffaella Comune (biologa nutrizionista), Fabrizio Zambardino (Restaurant Manager) e Davide Baldissara (esperto di Comunicazione Digitale). «Ci siamo accorti che a Napoli mancava totalmente una cucina che proponesse cibo sano e sostenibile. Così abbiamo deciso, durante la pandemia, di trasformare il nostro vecchio laboratorio in una Ghost Kitchen specializzata in questo tipo di prodotti, lanciando 3 brand che rispondessero a diverse esigenze» racconta Raffaella. Bionic Burger è infatti il terzo format lanciato da Bionic Kitchen, dopo Cambiovita, healthy bistrot, e Dietahhh!!!, brand che consente di ordinare la propria dieta a domicilio direttamente su Uber Eats.

“Perché vegano? Crediamo che un’alimentazione ricca di vegetali sia indispensabile per un futuro sostenibile. Secondo il WWF, in Europa, l’industria della carne è oggi una delle principali responsabili dell’emissione di gas serra nell’atmosfera, producendo il 14% delle emissioni globali, più dell’intero settore dei trasporti, considerando treni, macchine, aerei e camion. Cambiare le nostre scelte alimentari e adottare una dieta meno ricca (se non priva) di carne può avere un impatto davvero significativo. Mangiare 100% vegetale, cominciando anche solo una volta a settimana, può fare la differenza” spiega Fabrizio Zambardino, CEO di Bionic Kitchen.

La Redazione- Riceviamo e Pubblichiamo

Rispondi